Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
2
Web 2.0 per la Sanità

Il web 2.0 sta rivoluzionando Internet e il modo in cui persone geograficamente disperse collaborano, comunicano e pubblicano informazioni dirette a una platea di ascoltatori grande come il mondo intero (almeno quello connesso). Conosciute anche come media sociali, tecnologie come blog, podcast, wiki e social network stanno migrando anche nel settore della sanità.

L’obiettivo è promuovere la conversazione e i contenuti generati dagli utenti attraverso siti web e intranet, che testimoniano modalità di vivere le proprie condizioni di salute superando la tradizionale solitudine dei pazienti e delle loro famiglie.

Ruoli e attori coinvolti

  • I pazienti si trasformano in “redattori”, si conoscono e mantengono relazioni sociali sul web, si scambiano esperienze, disagi e timori
  • gli infermieri ascoltano i racconti e danno indicazioni e suggerimenti, quasi prolungando la loro attività al di là dei confini fisici del luogo di cura
  • i medici ricevono dati sul decorso del trattamento e della convalescenza post-operatoria e monitorano i parametri critici.

Per i medici questi luoghi di discussione tra pazienti, familiari e infermieri possono rappresentare un patrimonio informativo ricco, sempre disponibile, al quale attingere per acquisire quel punto di vista che l’attività professionale svolta nei luoghi deputati alla cura è in grado di fornire con più difficoltà. E’ come se il medico potesse ascoltare da dietro una porta socchiusa le paure, le esperienze, le difficoltà quotidiane, il racconto dei piccoli particolari che distinguono una giornata “sì” da una giornata “no”.

Da questo nasce la sigla eHealth2.0, ovvero la nuova frontiera della salute on-line, il passaggio da una comunicazione unidirezionale – dal soggetto che eroga le cure al paziente che le “subisce” – alla collaborazione tra tutti i soggetti interessati.

Qualche esempio di eHealth

  • Diabetes MineCategoria: blog – Target: pazienti, medici e infermieri, strutture di cura, assicurazioni, produttori di dispositivi medicali – Fondato da Amy Tenderich, giornalista nel settore dell’information technology cui è stato diagnosticato un diabete del Tipo I nel 2003 dopo la nascita del terzo figlio
  • wego healthCategoria: social network e wiki – Target: utenti del sito che sono nello stesso tempo autori e consumatori delle informazioni (prosumer) – Fondato da Jack Barrette che dice “Abbiamo la passione di aiutarci l’un l’altro
  • ImTooYoungForThis.orgCategoria: blog, social network e wiki – Target: giovani di età inferiore ai 40 anni e ammalati di cancro, medici e infermieri – Sito della Fondazione omonima, fondata da Matthew Zachary ammalatosi di cancro all’età di 21 anni. La Fondazione ha l’obiettivo di allungare di cinque anni l’aspettativa di vita per i giovani pazienti e aiutarli a vivere con la massima intensità il periodo di “sopravvivenza” dalla malattia
  • patientslikemeCategoria: social network e forum – Target: pazienti malati di sclerosi laterale amiotrofica,  sclerosi multipla, morbo di Parkinson e HIV/AIDS, medici e infermieri, ricercatori – L’iniziativa, avviata nel 2004 da tre ingegneri del MIT, è guidata oggi da Ben Heywood che la definisce uno “studio continuo, in presa diretta, con lo scopo di trovare le persone nelle quali i trattamenti danno i risultati migliori”.

Sono tante le considerazioni che si possono trarre da questi esempi. Ne parleremo la prossima settimana, anche perché il post è venuto un po’ lungo!

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)