Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
1
La maledizione della conoscenza

Ho già raccontato su Intranetlife di quando correggevo le tesi degli amici. Avevo omesso di dire, là, che a tutti dovevo ripetere: scrivi pensando che chi leggerà non conosce ciò di cui parli.

Alla facoltà di Lettere una tesi del vecchio ordinamento poteva portar via un anno di tempo. E in un anno, di cose se ne studiano parecchie. Può capitare di arrivare a saperne di più dell’intera commissione di laurea; ma in che misura riusciremo a condividere con altri, assolutamente digiuni dell’argomento, ciò che abbiamo imparato?

Ecco che entra in gioco la Maledizione della conoscenza – a cui avevo accennato in un precedente post sulla comunicazione, anche se implicitamente e senza saperlo.

La maledizione della conoscenza: un esperimento

Per spiegare di cosa si tratta, nel loro libro “Idee forti” i fratelli Chip e Dan Heath riprendono l’esperimento di una laureanda in psicologia della Stanford University, che consisteva in:

  1. formare un gruppo di persone
  2. assegnare a ciascuna il ruolo di tamburellatore o di ascoltatore
  3. chiedere ai primi di tamburellare una canzone famosa e ai secondi di riconoscerla.

Canzoni indovinate dagli ascoltatori: 2,5%. Previsione dei tamburellatori (prima dell’esecuzione) delle probabilità che gli ascoltatori indovinassero il brano: 50%.

Ovvero: “I tamburellatori riuscirono a far passare il messaggio 1 volta su 40, ma pensavano di poterlo fare 1 volta su 2”. Perché? E’ semplice: perché mentre battevano le dita sul tavolo, loro sentivano la canzone. Gli ascoltatori, invece, sentivano solo una serie di colpetti sul tavolo.

Ecco cos’è la Maledizione della conoscenza: “i tamburellatori sono in possesso di una conoscenza (il titolo della canzone) che rende loro impossibile immaginare che cosa si prova a non possederla”.

Diffondere la conoscenza con lo Storytelling

Il rapporto che si instaura tra il tamburellatore e l’ascoltatore può essere assunto come metafora di tutti i rapporti, anche in ambito lavorativo: capo dell’azienda e dipendenti, insegnanti e studenti, venditori e clienti, scrittori e lettori.

E’ ovvio che non possiamo disimparare ciò che già sappiamo; occorre imparare a parlare in modo diverso. Come suggeriscono i fratelli Heath, l’idea che raccontiamo deve essere semplice, inaspettata, concreta, credibile, emotiva, una storia (rimando i più interessati al libro e al loro blog).

Per chi, come me, vuole provare a raccontare e a scrivere, avere ben presente che la Maledizione della conoscenza esiste è fondamentale. Ancor più, sapere come aggirarla sconfiggerla.

Ora scegli sul web 3 siti di aziende a caso, e dimmi: quanti dei testi che leggi – presentazioni, schede prodotto, pagine che descrivono un servizio – hanno queste caratteristiche?

Prova a fare anche l’esperimento contrario, mettendoti nei panni di “colui che sa”. Pensa all’ultima mail che hai mandato, o all’ultimo post che hai scritto, o a quella presentazione powerpoint di cui vai fiero: quanti tra quei 6 aggettivi gli puoi attribuire?

Foto in Creative Commons di Paul Bica

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 1

  1. Bel post 🙂

    …ed anche bella sfida! …Da batterista sento il dovere morale di fare meglio del 2,5% 🙂

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)