Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
1
Web Strategy: le Best Practice

In questo periodo di difficoltà economica vengo particolarmente sollecitato da clienti, conoscenti e amici per realizzare siti web. E questo non è un male di per sé, ma in pochissimi casi tale richiesta è associata a un obiettivo commerciale preciso o alla consapevolezza che il sito web è in realtà il primo passo di una strategia online articolata.

E’ strano che in una fase come questa, di grande pervasività del web in ogni attività quotidiana delle persone e delle imprese, la definizione di una web strategy non sia tanto focalizzata da essere parte integrante di un business plan. Eppure, in un momento in cui occorre ottenere la maggiore resa con la minore spesa, una strategia web può assicurare l’efficienza che serve.

Definire una web strategy

La definizione della strategia web è il modo con cui assicurarsi la disponibilità delle risorse, la pianificazione dei passi, il bilanciamento tra esigenze a volte contrapposte, la condivisione dei criteri di successo. E’ chiaro che non esistono ricette infallibili e applicabili come fossero una formula matematica: ci muoviamo in un ambito dominato dal cosiddetto Effetto farfalla, nel quale il risultato finale non dipende in modo meccanicistico dalla successione delle operazioni svolte.

Nonostante questa “incertezza complessa” di fondo, la presenza di una strategia è vitale. Non è sufficiente creare il sito web, con un design pulito e testi ben costruiti; occorre farne la casa base dalla quale muoversi verso i territori confinanti con un obiettivo “commerciale” preciso.

Web strategy: alcune best practice

Dall’ultimo report pubblicato da Janus Boye e acquistabile sul suo blog, emergono alcune considerazioni chiave da trattenere:

  1. Assegnare le priorità. Non è vero che tutto è prioritario, anzi: proprio l’ansia di ottenere il massimo in poco tempo è il peggior veleno che si possa assumere, anche se in piccole dosi. E’ necessario non farsi catturare dalla fretta e non farsi ricattare da esigenze contrapposte che possono provenire da diverse funzioni aziendali, ciascuna con il suo punto di vista e le sue “urgenze”.
  2. Sguardo positivo. Non è opportuno enfatizzare i problemi che derivano dal non avere una strategia online; è più produttivo focalizzare gli scenari di business che possono essere favoriti, sostenuti e stimolati con una determinata strategia web. I problemi non catturano l’interesse delle persone, le opportunità invece sì.
  3. Un passo dietro l’altro. E’ uno dei “suggerimenti” migliori. Non si tratta appena di dividere il progetto in fasi; tutti (più o meno) capiscono che nello sviluppo di un progetto ci sono dipendenze tecniche che non possono essere bypassate. Qui il punto è un altro, e si riferisce al fatto che, fino a quando una determinata azione non inizia a portare risultati, è inutile se non controproducente avviarne un’altra.
  4. Concretezza. La strategia deve essere connessa a obiettivi commerciali precisi e misurabili, e non appena a una generica volontà di “essere visibili” sulla rete. Il web non è democratico: la quantità sempre crescente di siti, pagine e link genera un fenomeno per il quale chi ha tanti link tende ad accumularne sempre di più e, di conseguenza, chi ne ha pochi sarà sempre meno visibile.

Della ricerca di Boye è interessante sia il contenuto – checklist, output, esempi, raccomandazioni, errori da evitare – sia il metodo – interviste a web manager di grandi organizzazioni e discussioni con i 250 partecipanti alla sua comunità di pratica focalizzata sui media online.

Il report può essere acquistato online, oppure richiesto gratuitamente dai membri della Comunità di Pratica.

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 1

  1. Ottimo post!
    molto utile :=)

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)