Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
4
Caro, vecchio e-mail marketing

Voglio essere sincera: non ho mai posto grande fiducia (né interesse) all’e-mail marketing. Inoltre, da un po’ di tempo mi sono fatta l’idea che sia uno strumento superato. Ok, mi sa che è un’idea sbagliata.

Per verificarlo, io e Roberto ci siamo dotati di “E-mail Marketing. Strategie e tecniche efficaci per fare business” di Nazzareno Gorni e Marco Maglio. La lettura sarà prettamente estiva (ovvero: ancora non l’ho letto), però l’occhio mi è già caduto su informazioni e dati piuttosto interessanti.

Lo sapevi che il primo (disastroso) episodio di spam risale al 1978? E che una percentuale di destinatari compresa tra lo 0,01% e il 3% “abbocca”? Una cifra importante, se pensi a quante persone potrebbe essere inviata una mail.

Un marketing che piace

Ma perché l’e-mail marketing come strumento di promozione piace così tanto?

  • promette risultati rapidi
  • produce l’impressione che il “mezzo mail” non costi nulla
  • funziona, secondo le statistiche.

E-mail marketing: da fare e da non fare

Gorni e Maglio, però, propongono un approccio diverso, un approccio “2.0”, che parte dall’affermare cosa NON bisogna avere:

  • un’unica mailing list a cui spedire un unico messaggio
  • una mail scritta come si scriverebbe una lettera cartacea
  • strumenti improvvisati, ecc.

Soprattutto è meglio evitare lo spam indifferenziato e utilizzare questo strumento (potente, lo si è visto) in modo mirato e ragionato. Senza l’ansia del risultato a breve periodo, ma costruendo piuttosto una strategia sostenibile nel tempo, attenta a rafforzare la relazione, a salvaguardare la reputazione e a consolidare la credibilità.

“E-mail Marketing” affronta anche argomenti come la privacy, le tecnologie, le statistiche; dedica un capitolo a Creare un messaggio e-mail efficace”; contiene un utile glossario per i non addetti.

Se poi vuoi anche divertirti un po’, scarica gratisEmail Marketing Horror – quando l’errore diventa orrore”, un pdf di 26 pagine a cura di Web Marketing Garden. Una carrellata di esempi e aforismi pronti a far ridere e, allo stesso tempo, a far riflettere.

Ne cito un paio per solleticare la tua curiosità:

Orrore n. 3: pensare di farsi notare scrivendo l’oggetto tutto maiuscolo, e cadere (meritatamente) nelle forche antispam

Orrore n. 6: cianciare di dialogo con i clienti e poi inviare da noreply@azienda.it.

Ecco, altre letture per la tua estate. Buone vacanze!

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 4

  1. grazie della citazione!
    massimo carraro/web marketing garden

    Rispondi
  2. Francesca Fabbri

    Ciao Massimo! Bella la vostra iniziativa, e il “lancio” del libro sull’e-mail marketing!
    Abbiamo conosciuto (e ascoltato) Roberto a Better Software. Complimenti per il vostro lavoro!
    Francesca

    Rispondi
  3. Grazie. Hai visto l’altro titolo della serie Horror (il primo, in realtà)?

    Web Marketing Horror – quando l’errore diventa orrore…
    se no, te lo mando volentieri!

    A presto
    max

    Rispondi
  4. Francesca Fabbri

    Mi manca… potresti mandarmelo a francesca.fabbri[at]mimulus.it?
    grazie!

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)