Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
1
Il Social Software nelle Intranet

Non poteva mancare Nielsen Norman Group nella schiera di quanti si cimentano a studiare, analizzare, documentare lo stato di adozione del social software nelle imprese, la cosiddetta Enterprise 2.0.

E per fortuna che NNGroup non ha mancato l’appuntamento, perché dopo report stipati di statistiche su quale tecnologia va per la maggiore, quali funzioni aziendali sono più attive, quali sono i principali ostacoli e i principali driver per l’adozione, finalmente qualcuno si è inoltrato nella comprensione del fenomeno attraverso casi di studio reali.

Il Report di Nielsen Norman Group

Il report “Enterprise 2.0: Social Software on Intranets” è stato realizzato seguendo la stessa metodologia adottata per gli storici Intranet design annuals: cercare esempi che funzionano ed estrarre da questi considerazioni e suggerimenti pratici.

I casi di studio provengono da 14 imprese in 6 paesi:

  • AXA UK
  • Agilent Technologies, Inc.
  • American Electric Power (AEP)
  • BT
  • IBM
  • Intel
  • Johnson & Johnson Pharmaceutical Research & Development, L.L.C.
  • Officenet Staples Argentina
  • Portugal Telecom — Sistemas de Informação
  • Philips Healthcare (a division of Koninklijke Philips Electronics N.V.)
  • The Rubicon Project
  • Sprint Nextel Corporation
  • Sun Microsystems, Inc.
  • Telecom New Zealand Limited.

Rispondere a un bisogno operativo

L’unica ragione per affrontare la sfida dell’adozione di tecnologie sociali nell’impresa è la necessità di rispondere a un bisogno operativo; avviare spazi di collaborazione e di community solo per il piacere di farlo, nella maggior parte dei casi non porta vantaggi soddisfacenti e la semplice aggiunta di nuovi tool non ne stimola l’adozione né incrementa la produttività delle persone. Quindi la prima domanda da porsi è “quale problema dobbiamo risolvere?” e non “quale strumento dobbiamo usare?”.

I maggiori risultati sono stati costruiti grazie al lavoro “sotterraneo” delle persone, quello svolto spontaneamente nei piccoli gruppi di lavoro quando le soluzioni e le modalità di lavoro possono essere sperimentate senza l’assillo di dover dimostrare qualcosa al management. Nel momento in cui i benefici diventano evidenti, è stato il management stesso a spingerne l’adozione a livello enterprise.

Diversi percorsi di adozione

Ciò non significa che il percorso di adozione debba essere sempre questo. Vi sono casi in cui gli strumenti software sono stati introdotti rapidamente nelle pratiche operative quotidiane; ciò ha richiesto uno sforzo importante di coordinamento e supervisione per bilanciare l’innovazione con il necessario cambiamento nella cultura aziendale. Questo ha permesso di ridurre i rischi di rigetto o di asfissia delle iniziative.

Infatti le aziende tendono ad applicare logiche di controllo su tutto quello che avviene dentro i loro confini e, di conseguenza, anche nei gruppi di lavoro e negli spazi di collaborazione e condivisione tra le persone, definendo politiche e regole. I casi presentati nel rapporto mostrano invece che le community tendono ad autoregolamentarsi e che raramente la possibilità di contribuire liberamente alla conoscenza collettiva ha generato abusi.

Tools are easy. Change is hard.

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)