Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
0
Google e il wiki “a margine”

Durante i miei viaggi in treno, piuttosto frequenti visto che sono pendolare, capita spesso che si finisca a parlare di strumenti per il web.

In una di queste discussioni, prolungata dalle varie soste che il regionale fa per dare la precedenza all’Eurostar di turno, il mio amico Lorenzo mi ha fatto notare una funzione di Google Toolbar a cui non avevo prestato attenzione. E allora sono andata a controllare.

Si chiama Sidewiki. E’ uno strumento che consente di lasciare note di commento sulle pagine visitate. Naturalmente, per fare questo è necessario avere un account Gmail e autenticarsi, ma le note sono pubbliche e tutti gli utenti che hanno installato la barra degli strumenti di Google possono leggerle.

Le note possono riguardare un paragrafo, un concetto o anche solo una parola: basta evidenziare col cursore una parte del testo. Se non viene selezionato nulla, il commento sarà riferito all’intera pagina.

Le note si posizionano automaticamente a lato della pagina, proprio come quando studiamo un libro e ci annotiamo ai margini definizioni, dubbi, parole chiave e possibili correlazioni. E’ un po’ come se guardassimo più criticamente ciò che la rete ci propone. I contenuti delle note naturalmente non possono essere intimidatori, osceni, promozionali o lesivi della privacy; va da sé che anche la pubblicazione di malware e spam non è troppo gradita!

La presenza di commenti, link, riflessioni, spunti delle note di Sidewiki è potenzialmente molto utile perché:

  • può dar vita a scambi d’opinione tra utenti (anche fuori dai forum o dai sistemi che abilitano i commenti)
  • può aumentare un controllo “alla pari” dei contenuti
  • può favorire la circolazione di contenuti più accurati
  • fornisce feedback immediati sull’uso e sul gradimento delle pagine.

Per quanto mi è stato possibile vedere, il tool è ancora poco utilizzato; o meglio, è utilizzato soprattutto in alcuni ambienti: quotidiani on-line, social network e alcuni blog molto trafficati.

Leggendo i commenti, mi sono stupita (piacevolmente) di come gli utenti abbiano saputo essere, in linea di massima, pertinenti e civili anche senza un moderatore. Certo, è possibile che qualcosa particolarmente fuori dalle righe sia stato cancellato dallo staff di Google, ma il tono complessivo dei commenti mi sembra una conferma di quanto sia forte e diffuso il bisogno di condividere idee e sviluppare liberi scambi di opinione tra utenti.

E se questo mezzo può stimolare una partecipazione più attenta e attiva degli utenti, benvenuto Sidewiki!

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)