Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
2
Parole, parole, parole…

Eh sì, ogni tanto la “maestrina dalla penna rossa” che è in me riemerge con forza…

Come dicevo altrove, le parole sono importanti. In certe situazioni, la traduzione di un testo da una lingua all’altra è assolutamente strategico; ad esempio quando si tratta di istruzioni operative legate a un prodotto.

Ieri ho trovato questo testo sulle istruzioni in inglese di un ADSL-splitter, ovvero il filtro per l’ADSL da mettere nella presa telefonica:

To connect an analog terminal (telephone, fax) and an ADSL modem to the telephone network; Separates ADSL and analog signals.

La versione in italiano? A dir poco sorprendente:

per collegare uno modem ADSL e uno dispositivo analogo (telefono, cardless, telefax) a linea ADSL; separa segnale di segnale ADSL

Di certo la buona traduzione di un testo in una lingua diversa dall’originale, ha un costo. Ma tra la soluzione “top” – assoldare il perfetto traduttore – e l’entry level – affidarsi a un traduttore automatico (e non parlo di Google Translate, che avrebbe tradotto molto meglio l’esempio qui sopra, se l’avessero usato) – esistono anche delle soluzioni intermedie!

Non paga di questa perla linguistica ti lascio a meditare su un’altra, scovata in una mail che ho ricevuto da Trenitalia:

Il Carnet 10 viaggi è una promozione riservata ai Soci CARTAFRECCIA e Cartaviaggio […]. Scegli la relazione di tuo interesse, ad esempio Roma – Napoli: potrai percorrerla per un totale di 10 corse, in un senso oppure nell’altro.

Non ho mai pensato alla tratta ferroviaria come a una “relazione”. Forse devo rivedere il mio dizionario amoroso. Oppure il carnet è riservato a chi ha problemi affettivi? Quel che è certo è che le Ferrovie dello Stato sanno sempre come stupirci 😉

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 2

  1. Mini-appunto su ‘relazione’, da ex-viaggiatore abituale: e’ un termine usato da decenni dalle Ferrovie. Ed ha anche qualche supporto linguistico: se relazione e’ (Hoepli) “legame che unisce tra loro due o più fatti o concetti”, siamo ad una classica trasposizione. Di fatto, la tratta unisce tra loro due citta’. Il problema vero secondo me e’ l’uso inopinato e non necessario del tecnicismo (vedi i vari ‘obliterare’). Ma qui andiamo indietro fino a Manzoni. 🙂

    Rispondi
  2. Ciao Andrea!
    … e che dire del “Servizio portura bagagli”?? 🙂

    A presto!

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)