Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
3
Foursquare per il non profit

In piena organizzazione della Prima Conferenza dei Sindaci di Foursquare, sommerso da una progressiva esplosione di post su Foursquare e il marketing e sollecitato da incontri fatti di recente, ho pensato di dare uno sguardo al mondo del non profit.

Come le organizzazioni non profit possono utilizzare questi servizi legati alla geolocalizzazione? Gli ambiti di utilizzo rientrano solo nella brand awareness oppure ci sono spazi anche per il fundraising? Quanto è semplice o complesso organizzare e gestire una campagna di fundraising sfruttando i servizi di geolocalizzazione, come Foursquare?

Check-in for Charity

In fondo, la stessa Foursquare ha catalizzato l’attenzione di molti durante il SXSW 2010, lanciando un’iniziativa denominata check-in for charity con partner come Microsoft e PayPal. Oggetto della campagna: per ogni check-in in Austin o con l’hashtag sxswHaiti su Twitter, Microsoft e PayPal hanno donato 0,25 dollari a Save The Children Haiti. Risultati della campagna durante la manifestazione: 135.000 check-in, 2.400 tweets, 15.000 dollari donati in meno di 48 ore.

Secondo Joe Waters, editor di Selfish Giving e Director Cause & Event Marketing presso il Boston Medical Center, Foursquare riveste un alto potenziale per il cause marketing (definizione intraducibile in italiano, ma il cui significato si impone senza necessità di spiegazioni).

Opportunità di Branding

Una prima opportunità è in ambito branding: l’elemento di geolocalizzazione di Foursquare, unito alla possibilità di “sharing” o condivisione su Facebook e Twitter, è un’occasione ghiotta per fare marketing quotidiano a costo nullo.

E’ sufficiente il check-in nei locali dell’organizzazione non profit, un breve messaggio interessante su una specifica campagna in corso oppure un suggerimento collegato alle attività dell’organizzazione, lo sharing su Facebook e su Twitter. In questo modo i contatti su Foursquare sono informati in tempo reale, quelli su Facebook e Twitter pure e, in più, quegli stessi contatti possono condividere il messaggio con la propria rete di amici. Se poi invece di una persona sola sono coinvolti più membri dell’organizzazione, allora la potenza di fuoco può essere notevole.

Opportunità di Fundraising

Una seconda opportunità è nel fundraising: ovvero coinvolgere un partner disponibile a effettuare una donazione per ogni check-in convalidato nei suoi locali, sul modello dell’iniziativa lanciata da Foursquare, Microsoft e PayPal. In questo caso il partner ha un guadagno in termini di visibilità del marchio, e l’organizzazione non profit riceve una donazione proporzionale al numero di persone che aderiscono all’iniziativa.

Una terza opportunità si può chiamare shopping fundraising: alla configurazione semplice di cui sopra si può aggiungere l’elemento dell’acquisto. Prendiamo una catena di ristoranti o di distributori di benzina o di librerie che siano disponibili, in un periodo di tempo identificato, a offrire uno sconto del 10% ai propri clienti. Situazioni come queste non sono infrequenti, ma supponiamo che la catena partner sia anche disponibile a versare alla non profit un x% del valore degli scontrini convalidati da un check-in. Anche in questo caso la funzionalità di sharing aumenta in modo impressionante il passaparola.

La relazione con i volontari

Una quarta opportunità risiede nella relazione con i volontari: l’organizzazione non profit crea un proprio account su Foursquare e lo collega alla rete di amici tra i volontari; con la funzione di Shout (invio di brevi messaggi alla rete di amici) può inviare informazioni, aggiornamenti, fare domande e mantenere in generale la relazione. Poiché anche questi messaggi possono essere condivisi su Facebook e Twitter, anche in questo caso si ha la possibilità di generare un passaparola quasi automatico e molto efficace.

E cosa pensereste se al momento del check-in in un esercizio commerciale comparisse sul vostro smartphone un messaggio del tipo “xxx ha partecipato alla campagna yyy” dall’account di un’organizzazione non profit?

Ciò che è interessante è il costo molto basso di queste iniziative: in pratica occorre “solo” creare le giuste connessioni tra i partner. Poi la rete fa il resto. Qual è il vero ostacolo? Il fatto che Foursquare non ha ancora in Italia una massa critica sufficiente a generare un passaparola efficace.

Ma i tempi cambiano, e noi cerchiamo di essere in prima fila. Se vuoi esserlo anche tu, segui in streaming i lavori della Prima Conferenza dei Sindaci di Foursquare del 17 luglio (seguiranno indicazioni!).

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 3

  1. Incredibili le potenzialità degli strumenti di geolocalizzazione per il fundraising: grazie per la spiegazione chiara ed esauriente!

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)