Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
0
Otto finaliste allo Startups for Good Challenge

Tra otto giorni inizierà a New York il secondo Social Good Summit organizzato da Mashable, 92nd Street Y e United Nations Foundation.

Il Summit vuole essere il luogo dove le grandi idee incontrano i nuovi media per creare soluzioni innovative. I grandi esperti di tecnologia, i pensatori più autorevoli e gli attivisti più appassionati si incontreranno per sbloccare il potenziale dei nuovi media e delle nuove tecnologie nel tentativo di rendere il mondo un posto migliore.

Il Summit sarà aperto dallo Startups for Good Challenge, una competizione tra le Startup che stanno realizzando o già utilizzano le nuove tecnologie per generare un impatto positivo sul mondo: in palio la partecipazione al Summit e un premio di 10.000 dollari. Scopriamo le otto finaliste.

Awaaz.de è una piattaforma mediante la quale è possibile attivare servizi di domanda e risposta vocali, oltre a fornire informazioni, notizie e documentazione. E’ usato, per esempio, per consentire alle popolazioni nelle aree emergenti di richiedere indicazioni sulle coltivazioni e consigli sulle pratiche agricole da mettere in atto. Si chiama un numero verde e si pone la domanda; il messaggio viene ascoltato da un operatore che risponde in linguaggio naturale e invia un SMS di avviso; richiamando il numero verde, si può ascoltare la risposta.

Catchafire è una sorta di crowdsourcing di volontariato: mette in relazione organizzazioni che hanno l’esigenza di consulenza, prodotti e servizi in genere con le persone che hanno le competenze giuste per rispondere alle esigenze espresse. Per esempio, in questo momento il The Children’s Village di New York chiede aiuto per la realizzazione di un video che, a prezzo di mercato, potrebbe costare fino a 6.000 dollari impiegando dalle 30 alle 60 ore di lavoro di un professionista. Si fa avanti qualcuno?

Kopernik mette in relazione le organizzazioni che operano nei paesi di sviluppo e hanno necessità di tecnologie con organizzazioni e persone che vivono nei paesi sviluppati e che possono finanziarne l’acquisto con una donazione: in pratica è un enorme fundraising sempre attivo su diversi piccoli progetti. Il progetto di questo mese è l’acquisto di 90 speciali contenitori a tamburo per facilitare il trasporto dell’acqua: il prezzo unitario è di 65 dollari, per un costo complessivo di 8.812 dollari comprensivo di dogana, commissioni paypal, commissioni Kopernik.

em[Power] dice di sé: “Siamo un gruppo di persone interessate su ciò che accade ad una popolazione che è costretta a cercare nelle discariche per trovare cibo, rifugio e fonte di sostentamento. Siamo un gruppo di individui che si rifiutano di credere che questa realtà non può cambiare. Siamo un gruppo di persone provenienti da tutto il mondo cercando di portare l’energia alternativa, l’istruzione servizi igienici adeguati alle comunità in difficoltà“.

Prove My Concept fornisce uno spazio in cui giovani intraprendenti possono descrivere le loro business idea, ricevere opinioni e suggerimenti e trasformarle in veri e propri business. In questo modo estende le possibilità formative dell’istruzione tradizionale mettendo i ragazzi nelle condizioni di misurarsi con persone più esperte di loro e di imparare da queste.

Sparked consente ai professionisti, ai manager e a tutti colori che sono troppo impegnati per fare volontariato, un modo per donare le loro competenze a chi ne ha bisogno: una specie di volontariato online che può anche concretizzarsi nel fornire un parere su una questione urgente. In questo momento il Childrens Medical Emergency South Africa chiede un consiglio per diffondere in modo rapido il canale news che hanno creato su YouTube per raccogliere fondi su tre casi clinici disperati. Sei un esperto di social media? Cosa suggeriresti che non siano campagne pay per click, perché l’organizzazione non può sostenere una spesa di R 10 (circa 1 euro) per click?

SimpleEnergy ha l’obiettivo di rendere divertente e sociale il modo in cui le persone risparmiano energia. L’idea è di costruire una piattaforma social in cui scambiandosi idee, ricevendo informazioni e “giocando” le persone insieme si guidano al risparmio energetico.

SunSaluter ha l’obiettivo di costruire tecnologie innovative di rottura anche per i mercati già consolidati. In questo momento sta lavorando a due prototipi di pannelli solari molto economici in Kenya.

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)