Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
0
Storytelling con i Social Media: l’esempio di Twitter

Se scorriamo Wikipedia alla voce Storytelling, troviamo che esso è

una metodologia e disciplina che usando i principi della retorica e della narratologia crea racconti influenzanti in cui vari pubblici possono riconoscersi. Lo storytelling è oggi massicciamente usato dal mondo dell’impresa, dal mondo politico, e da quello economico per promuovere e posizionare meglio valori, idee, iniziative, prodotti, consumi.

Storytelling non è (solo) assumere un copywriter

La brava Luisa Carrada ha scritto, ormai diversi anni fa, una pagina tuttora valida sul concetto dello Storytelling portato dentro le aziende. Il testo ci aiuta a mettere a fuoco un primo elemento: fare Storytelling in azienda non significa assumere un bravo copy che riesca a riscrivere, sotto forma di storia, il messaggio promozionale che l’azienda vuole dare di sé.

Lo Storytelling descritto dalla Carrada mette come soggetto della comunicazione le persone che lavorano dentro l’azienda (dipendenti) o che, pur essendo fuori dall’azienda, ne condividono i valori (appassionati e fan), in modo che siano loro a raccontare, tramite esperienze vissute, che cosa quell’azienda rappresenta e fa.

I nuovi media, nuove opportunità di raccontare storie

Il secondo elemento riguarda la nostra epoca, così fortemente caratterizzata dai nuovi media. Essi sono i nuovi strumenti, le nuove frecce che abbiamo a disposizione per comunicare.

Fino a qualche decennio fa, lo Storytelling era affidato ai media tradizionali: prima la carta, poi anche la radio, poi la televisione. A un certo punto si è aperto l’universo del web; da qualche anno, una serie che pare infinita di media sociali rappresenta nuove possibilità per il modo di raccontare storie.

Twitter Stories

In questo panorama si è recentemente inserito anche Twitter. Il 1° novembre ha lanciato il suo Twitter Stories, un sito che vuole raccontare storie di piccoli grandi cambiamenti avvenuti grazie a un singolo tweet. Certo, questo non toglie i mille “buongiorno” e “buonasera” disseminati online 😉 Ma non si può non ammettere che, in certi casi, Twitter ha veramente fatto la differenza. Come è stato scritto per i lancio del sito,

Each story reminds us of the humanity behind Tweets that make the world smaller.

Ecco alcuni esempi di Twitter Stories che trovate sul sito:

Il sito verrà aggiornato mensilmente con nuove storie, anche grazie alle segnalazioni che Twitter stesso richiede alla community:

Tell us how you or someone else have used Twitter in an interesting way. Submit your story by mentioning @twitterstories or by using the hashtag twitterstories. Include a link to a photo or video that helps illustrate your story to the world. Each month we’ll curate a selection of profiles to share. Follow @twitterstories to get the latest stories or check the site every month for a new collection.

Chiudo questo post con un’osservazione: resta ancora un po’ confuso il modello di business su cui Twitter si basa, al di là dell’ADV. Da molto tempo, e da più parti, si lamenta su questo argomento una mancanza di chiarezza e una scarsa sostenibilità. Forse questo nuovo sito ha a che fare con il modello di business di Twitter e fa parte di una strategia più grande? Se sì, come? Beh, staremo a vedere.

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)