Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
1
Web & Intranet Conference in Aarhus – #jboye13

Mai stato in Danimarca (come in tanti altri paesi europei, peraltro; però con qualcosa dovevo iniziare questo post…) e l’occasione è arrivata con la nona edizione della Web & Intranet Conference organizzata da Janus Boye ad Aarhus dal 5 al 7 novembre scorsi.

In maggio Janus mi ha mandato una mail invitandomi a parlare; gli ho spiegato che da qualche tempo mi occupo poco di intranet e più di altre faccende, tra cui Foursquare. Pensavo così di aver schivato in modo elegante la questione della lingua: non è che ero proprio serenissimo all’idea di parlare in inglese, senza traduzione simultanea, a una conferenza internazionale…

Accade invece che Janus è appassionato di Foursquare, e che ritenga molto interessante per i partecipanti alla sua conferenza il racconto di come Foursquare sia usato dai Brand  fatto da un “esperto” in materia. Colpito e affondato.

In giugno ho chiesto se era previsto un rimborso per il viaggio. Hai visto mai che dice di no e mi alza la palla per fare il figo e rispondere che “a gratis non vado da nessuna parte”? E Janus risponde: “Usually we offer a complimentary conference pass for speakers for the day they are presenting, but since you are coming from far away, I’m happy to extend a complimentary pass to you for the entire 3-days including social events”Os-cia, i social events. Vado!

Unico italiano, sia tra i relatori che tra i partecipanti.

Il mio intervento su Foursquare

Per farla breve, parto il 4 novembre da Bologna, scalo a Copenaghen, arrivo ad Aarhus il 4 sera. La valigia arriva il 5 mattina, giorno del mio compleanno: mai regalo fu più gradito! Parlo il 6 dopo pranzo su “Foursquare and your brand“. Rientro il 7 sera a Bologna; la valigia è con me. E nel mentre bevo caffè lungo e birra.

Ho fatto un intervento su Foursquare, il progetto Benetton e il Foursquare Day 2013 in Italia.

Poi ho fatto una tavola rotonda con alcune persone e… insomma, me la sono cavata alla grande!

Lessons Learned

Cosa ho capito:

  1.  che se hai l’occasione di parlare di quello che ti piace fare, coglila al volo anche se a prima vista può apparire tempo “perso”
  2. che se devi fare uno speech in inglese e non sei abituato, devi preparare l’intervento molto bene: scrivendoti il testo, ripetendolo anche 20 volte, prendendo i tempi e facendoti aiutare da una persona madrelingua per migliorare la pronuncia
  3. che male che vada, conosci tanta gente che ha esperienze molto diverse dalle tue e questo ti arricchisce, sempre
  4. che appena dici “Bologna, Italia” scopri tante persone che adorano il nostro paese (e non pensano a spaghetti e mandolino bensì agli Uffizi, al Duomo di Modena, alle Torri di Bologna… anche ai tortellini e alla Ferrari, ovviamente!). Insomma, un italiano all’estero ha gioco facile col networking

Cosa mi ha colpito

Ecco le cose che mi hanno colpito della jboye13:

  1. l’attenzione al networking: Janus mi ha personalmente presentato molte persone dicendo che sarebbe stato utile per entrambi entrare in contatto (e comunque quasi tutti si presentano spontaneamente con molta umiltà e semplicità)
  2. l’alto numero di persone provenienti da organizzazioni pubbliche quali il Parlamento inglese, il Ministero della Difesa finlandese, la Televisione di Stato danese, Università americane e inglesi, rappresentanti di amministrazioni pubbliche locali: cosa che normalmente non accade in analoghe che si svolgono sul territorio italiano
  3. per contro il “relativamente” basso numero di persone provenienti da Agenzie di comunicazione e Web Agency
  4. la colazione alle 8 presso il luogo della conferenza, inserita nel programma della conferenza: non ognuno nel suo albergo, ma tutti insieme. In questo modo si è creato un ulteriore momento di networking
  5. la cena alle 18-18.30… ma si sa, abitudini da Nord Europa 🙂
  6. la “Corsa con i Vikinghi” in programma il mercoledì mattina alle ore 6.30.

Altri motivi di vera contentezza: ho re-incontrato Louis Suarez, che stimo e seguo da tempo e che avevo conosciuto al Social Business Forum a Milano nel giugno 2011; e me ne sono tornato a casa con una copia del libro “How to be Danish“, omaggio per tutti gli speaker della Web & Intranet Conference. Obiettivo dei prossimi 8 mesi: realizzare progetti interessanti da raccontare alla jboye14!

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)