Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
2
Linkedin e la pagina Vetrina

A inizio febbraio Linkedin ha diffuso i risultati finanziari del quarto trimestre 2013 e quelli complessivi del 2013. Numeri importanti: 447,2 milioni di dollari di ricavi in tre mesi con un incremento del 47% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; il 55%, pari a oltre 245 milioni, derivano dalle Talent Solutions, funzioni e pacchetti per chi offre lavoro.

Nello stesso periodo, il 2013, abbiamo assistito a continue modifiche ed evoluzioni del servizio: dal design alle pagine Università, dall’abbassamento dell’età minima per l’iscrizione fino alle Pagine Vetrina, e, in questi ultimi giorni, l’avvio di quelle che potranno essere le soluzioni per il non profit e il volontariato.

Sarebbe necessario fare qualche riflessione su tutte queste novità, ma c’è tempo (anche perché con tutti i corsi Linkedin che ho a calendario nelle prossime settimane, avrò modo di approfondire e condividere altri dettagli). Per il momento mi soffermo sulla Pagina Vetrina, un rilascio che ha risolto un grosso problema, anche se ne ha aperto un altro.

Il Problema

La Pagina Aziendale è composta in genere da:

  • Home, con un banner in testata e un flusso di aggiornamenti della pagina
  • Sezione Prodotti e Servizi, con uno slider di tre banner in testata e la lista dei prodotti e dei servizi
  • Sezione Carriere, per chi pubblica offerte di lavoro e necessita di una sezione ad hoc per il recruiting
  • Pagina Informazioni, con alcune info aggiuntive sull’azienda.

La pagina Prodotti e Servizi (a proposito, sai perché in alcuni casi si chiama “Prodotti”, in altri casi “Servizi” e in altri ancora “Prodotti e Servizi”? la risposta è in fondo, e non devi girare lo schermo per leggerla…) è abbastanza piatta, sarà anche per il design un po’ “old”… Non basta giocare con lo slider e con le immaginette che identificano i singoli prodotti; il risultato è comunque un po’ triste. Anche la pagina del singolo prodotto non eccelle in quanto a possibilità di essere attrattiva e accattivante.

Per le aziende che hanno più prodotti e servizi (cioè quasi tutte) le opportunità per promuovere uno dei prodotti in modo particolare rispetto agli altri per questioni di stagionalità o di lanci promozionali o altro, non sono molte. Gli aggiornamenti in home devono per forza di cosa riguardare tutta l’azienda e risulta così difficile focalizzare l’attenzione su un solo elemento.

L’unica strada è la Pubblicità a pagamento per attirare visite sul singolo prodotto (con i costi abbastanza alti che conosciamo) e le Segnalazioni che, in tutta franchezza, pochi di noi leggono (fate molta attenzione, un click sul tasto “Segnala” e la segnalazione viene registrata, anche se non scrivi nulla nel campo per la recensione).

La Soluzione

La soluzione di Linkedin è la Pagina Vetrina; come per un negozio che ha tanti prodotti al suo interno, la vetrina serve a esporne alcuni per attirare le persone nel negozio, così per un’azienda la Pagina Vetrina ha lo scopo di mettere in mostra un prodotto o una linea di prodotti e concentrare le attività promozionali su questi.

La grafica di questa pagina è un po’ più moderna; ma si può fare di meglio e sappiamo che anche Linkedin è in grado di farlo, visto il redesign dei Gruppi. Però come inizio non è male: ricorda molto Facebook con il layout a due colonne e spazi asimmetrici ed è una delle poche pagine Linkedin in cui non compaiono pubblicità (a parte lo spazio sopra la testata) e suggerimenti di persone o aziende da seguire (almeno per ora).

Ecco in breve le caratteristiche della Pagina Vetrina:

  • è collegata logicamente alla pagina aziendale
  • non ha sotto-pagine o sezioni
  • la sua URL segue la struttura dell’URL delle pagine aziendali: linkedin.com/company/nome_pagina_vetrina
  • può essere aggiornata con la condivisione di contenuti interessanti relativi all’azienda e al suo mercato di riferimento
  • ha i suoi follower, distinti da quelli della pagina aziendale.

E qui nasce…

Il nuovo Problema

I follower della pagina Aziendale NON diventano in automatico follower della Pagina Vetrina: devono essere riconquistati uno a uno pubblicando aggiornamenti frequenti in linea con il prodotto promosso nella vetrina. Non è una questione di poco conto, tanto più su Linkedin dove:

  • non è possibile seguire altri account per farsi conoscere come su Twitter
  • non è possibile invitare “amici” a seguire la pagina come accade su Facebook.

Le uniche armi a nostra disposizione per aumentare il numero di persone interessate è agire sui contenuti con una strategia “pesante” oppure investire in pubblicità ai costi che conosciamo. Ma come tutti i problemi, anche questo del doversi ricreare un seguito nasconda una grande opportunità: quella di raccogliere attorno alla propria Vetrina un seguito di persone molto selezionate, interessate agli aggiornamenti delle Pagina e molto propense a condividerli.

Quindi, se sei interessato agli aggiornamenti che pubblico sulla Pagina Vetrina “Digital Friday”, diventa follower ora 🙂

Venerdì 21 febbraio al Digital Friday su Linkedin per Aziende vedremo alcuni esempi interessanti di Pagina Vetrina e come alimentarla e diffonderla al meglio, nell’attesa che oltre ai follower possa ricevere anche le segnalazioni (o raccomandazioni).

PS: la sezione “Prodotti e Servizi” si chiama in modo diverso in base al flag che attivi quando crei un nuovo prodotto 🙂

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Comments 2

  1. Ciao,
    il discorso é chiaro, mi sembra però che LinkedIn stia facendo un pò di confusione: ma se devo farmi notare per i contenuti, tanto vale che utilizzi Pulse o no?! Mi sembra una sorta di cannibalizzazione.

    Cosa ne pensate?

    Rispondi

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)