Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
0
Instagram: esempi di utilizzi innovativi per il Marketing

Parliamo spesso di Instagram dal blog dei mimuli, soprattutto nei suoi utilizzi più interessanti per il Marketing; ci piace tanto, non è un segreto!

Instagram è stata la prima società acquisita da Facebook; ha raggiunto a marzo 2014 200 milioni di utenti mensili attivi (ne aveva la metà nel 2012, al momento dell’acquisizione) e una crescita del 100% nell’ultimo anno, in un mondo (quello dei socialcosi) particolarmente affollato di servizi e app dove è molto difficile arrivare a fare la parte del leone. Quante sono le immagini condivise sulla piattaforma? Non le ho contate, ma pare che siano 20 miliardi!

Ok, e adesso che vi ho convinto coi numeri (perché magari siete di quelli che ancora, per motivi vari, non si sono appassionati a Instagram), vi racconto qualche bell’esempio: due stranieri e uno (udite, udite!) italiano, per di più (udite ancora!) della Pubblica Amministrazione.

Pagare la cena con una foto? A Londra si può!

Caso studio Instragram

foto di mravase40

Tra gli utilizzi più innovativi di Instagram in cui sono incappata ultimamente, segnalo quella del ristorante “pop-up” che in Inghilterra si fa pagare, appunto, in foto.

Si chiama The Picture House ed è il primo ristorante del mondo in modalità pay-per-photo, dove le persone possono mangiare gratis se condividono la foto del pasto su Instagram utilizzando l’hashtag BirdsEyeInspirations. Sì, somiglia un po’ alla nostra iniziativa PaidPerInstagram del challenge fotografico per Genus Bononiae 😉

Non solo gli avventori potranno godersi un pasto di due portate, entrambe da immortalare e condividere, ma avranno anche la possibilità di ricevere consigli direttamente da uno dei maggiori Instagramer su come fotografare al meglio il piatto – e magari le foto pubblicate con l’hashtag del brand saranno un po’ più belle 😉

Una ricerca promossa da Birds Eye, il marchio di surgelati che ha lanciato il ristorante, ha rilevato che il 52% degli inglesi fotografano regolarmente i loro pasti, e che il 39% ammette di sistemare ad arte il cibo nel piatto con l’intenzione di condividerne uno scatto online.

Per il marchio in questione probabilmente non sarà il modo migliore di guadagnare; ma è un modo molto intelligente per creare buzz veloce e consistente sul loro nome e sui prodotti che vogliono diffondere, nel tentativo di sfatare il mito che i cibi surgelati fanno schifo. Ce la faranno?

Caccia al tesoro su Instagram!

Caccia al tesoro su Instagram

Qualche mese fa, in occasione della sua sponsorizzazione degli US Open, Heineken ha trovato un nuovo modo di usare Instagram: realizzando una Caccia al tesoro.

Sull’account @crack_the_us_open, creato appositamente per l’iniziativa, sono state pubblicate 225 foto che, nel loro insieme, formano un’enorme tribuna di persone, un mosaico che acquista un senso solo se visto dall’app (non da sito) e posizionando lo smartphone in orizzontale (vedi immagine qui sopra).

Sull’account ufficiale @heineken_US sono stati pubblicati indizi associati a una parola-chiave/hashtag, ciascuno dei quali valido per vincere una coppia di biglietti per assistere alla finale del torneo. Ogni indizio serviva per individuare, nelle foto componenti il mosaico, una precisa persona. Una volta trovata, per vincere i biglietti si doveva commentare per primi la foto con la parola-chiave/hashtag, come si vede in questo esempio.

Se volete saperne di più, trovate tutti i dettagli nel Regolamento.

#mybologna are You: il profilo Instagram gestito dai cittadini

Gestione dell'account Instagram da parte dei cittadini

foto scattata da Alessandro Catanese per @Twiperbole

Il Comune di Bologna (noto online con Iperbole – La rete civica di Bologna e Twiperbole, sia su Twitter che su Instagram) ha deciso di prendere una bella iniziativa e affidare, di settimana in settimana, la gestione del suo account Instagram ai cittadini. Che ne hanno, dunque, la piena responsabilità.

Lo scopo è quello di raccontare la città attraverso le fotografie delle persone che la vivono. Il progetto, in forma sperimentale, ha preso il via il 7 aprile e andrà avanti per tutto il 2014.

Trovo questo progetto – una sorta di giornalismo cittadino e partecipato, fatto tramite l’elemento che comunica di più, cioè l’immagine – di grande impatto e molto intelligente: da una parte, perché tutti affermiamo di aver bisogno di una PA più vicina ai cittadini (OK, forse non risolveremo problemi di natura civica tramite un account Instagram, ma a me sembra un bel passo avanti). Dall’altra, perché è un modo per farsi conoscere al di fuori della propria cerchia di contatti (attraverso i follower dei gestori che si susseguono nel corso delle settimane) e di sfruttare i contenuti generati dagli utenti: non è scontato che i dipendenti del Comune vadano in giro a fare foto, soprattutto nel weekend!

Sarà che stiamo tenendo una versione dei nostri Digital Friday dedicata alla Pubblica Amministrazione, e quindi il tema ci sta molto a cuore; sarà che da tempo vedo positivamente il modo con cui il nostro Comune sta online e sui social network; sarà che, dal 16 al 22 giugno, sarò coinvolta in prima persona nella gestione dell’account della mia splendida città (seguitemi!!) dovevo assolutamente parlarvi di questa iniziativa!

Per saperne di più, leggete la pagina dedicata a Regolamento e modalità di candidatura alla gestione dell’account.

____________________________

Vi interessano le opportunità che Instagram offre per il Marketing? Volete scoprire altre app di Photo mobile? Appuntamento al Digital Friday del 10 ottobre!

Potrebbero interessarvi anche…

 Foto principale in Creative Commons di harold.lloyd

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)