Your Web Therapy - Curiosità. Passione. Divertimento. - Con questi ingredienti lavoriamo su Organizzazione, Contenuti e Tecnologie. RSS
0
Gruppi LinkedIn: come scegliere quelli giusti e come usarli

LinkedIn è uno dei più importanti canali Social Media per professionisti e aziende; tra gli strumenti a disposizione per rafforzare la reputazione personale, i Gruppi sono senza dubbio quello più efficace. E’ importante però scegliere i Gruppi LinkedIn giusti perché solo questi ci danno l’accesso a un pubblico che con grande probabilità comprende i nostri clienti di domani.

Un errore frequente infatti è iscriversi solo ai gruppi specifici del proprio settore: è più facile che siano popolati dai nostri concorrenti più che dai nostri clienti ideali! Se sei nuovo su LinkedIn o hai bisogno di qualche consiglio in più, in questo post descrivo i benefici dei Gruppi e come puoi scegliere quelli giusti per te.

Cos’è un Gruppo LinkedIn

I Gruppi LinkedIn offrono uno spazio a professionisti dello stesso settore o con interessi simili in cui condividere contenuti, trovare risposte, pubblicare e visualizzare offerte di lavoro, stabilire contatti aziendali e confermarsi come esperti del settore.

(dal Centro Assistenza Linkedin)

In questa definizione è racchiuso tutto il valore dei Gruppi e il metodo migliore per trarne beneficio:

  • Professionisti dello stesso settore” – aderendo ai gruppi che raccolgono le persone che svolgono il tuo stesso mestiere affermi di far parte o voler far parte di quel mondo
  • con interessi simili” – entrare nei gruppi che riuniscono persone anche di settori di attività differenti ma con un interesse in comune è utilissimo se l’interesse che li accomuna è direttamente connesso al servizio che tu offri; in quei gruppi ci sono i tuoi futuri clienti
  • condividere contenuti…” – partecipare all’attività del Gruppo è il modo migliore per attivare e consolidare nel tempo relazioni professionali che possono portare a collaborazioni o nuovi clienti, oltre al fatto che, grazie all’attività degli altri membri del gruppo, si possono scoprire tante cose nuove con il minimo sforzo
  • sostieni la tua reputazione” – essere attivi all’interno dei Gruppi è il modo migliore per affermare la propria conoscenza del settore e costruirsi nel tempo una reputazione.

Il primo passo per usarli in modo efficace è trovare i Gruppi LinkedIn giusti! Esistono due modi principali: attraverso la ricerca oppure attraverso altri profili.

Come usare la Ricerca per trovare i Gruppi

Il modo più semplice e immediato è inserire le giuste parole chiave nel campo di Ricerca di LinkedIn, che si trova sopra al menù principale.

Per cercare dei gruppi locali, per esempio, scrivo “Bologna” e dopo l’invio scelgo l’opzione Gruppi nel menù a sinistra

Gruppi Linkedin Ricerca - Mimulus

per ottenere tutti i gruppi che contengono “Bologna” nel nome o nella descrizione.

Se la mia attività professionale ha caratteristiche locali, oppure uno dei miei servizi è molto orientato a un pubblico locale, quelli che ottengo con questa ricerca sono i gruppi che raccolgono persone che insistono sul mio territorio. Posso poi affinare la ricerca aggiungendo una seconda parola chiave per ottenere risultati ancora più coerenti ai miei obiettivi.

Se invece offro servizi orientati a un settore merceologico specifico, dovrò usare le parole chiave che descrivono quel settore: se sono un marketing professional nel settore della Ristorazione inizierò la ricerca con “Ristorazione“, poi potrei provare con “Food” limitando la ricerca ai gruppi in lingua italiana e anche con “Food & Beverage” e così via. Nei gruppi elencati tra i risultati della ricerca ci sono di certo molti miei concorrenti ma di sicuro moltissimi potenziali clienti.

Nel caso in cui i servizi che offro siano trasversali e applicabili in molti contesti differenti, piuttosto che rivolti a mercati specifici, dovrò fare delle scelte e puntare su alcuni settori: o quelli che sono più rappresentati su LinkedIn, con il rischio di trovare molti concorrenti, oppure quelli più di nicchia, con numeriche inferiori e forse con meno concorrenti.

Come usare altri Profili per trovare i Gruppi

Può capitare che il metodo descritto sopra conduca a un numero di Gruppi molto elevato (ricorda che 50 è il numero massimo di Gruppi a quali puoi essere contemporaneamente iscritto).

Allora  procedo in questo modo: trovo il mio cliente ideale (potrebbe essere uno dei tuoi clienti attuali), vado sul suo profilo e consultao i Gruppi cui è iscritto. Con grande probabilità, in quei gruppi troverò le persone giuste con le quali entrare in relazione:

Gruppi Linkedin Profilo - Mimulus

Se il Cliente ideale non è iscritto a Gruppi interessanti, ho due possibilità: o non è il mio Cliente ideale e provo con un altro profilo, oppure il percorso di avvicinamento al Cliente ideale non passa attraverso LinkedIn.

Come valutare un Gruppo

Non tutti i gruppi sono uguali. Esistono i Gruppi chiusi e i Gruppi aperti, moderati e non moderati, quelli “vivi” e quelli “morti” o “moribondi”, “di valore” o “inutili”…

Prima di iscriversi a un Gruppo LinkedIn è utile valutare:

  • il numero di persone iscritte al gruppo
  • quante persone della propria rete sono già iscritte al Gruppo, e chi sono
  • la demografia degli iscritti del Gruppo, per anzianità e funzione
  • il volume di attività all’interno del Gruppo
  • il trend di crescita degli iscritti
  • chi è il proprietario e se è attivo nel Gruppo
  • la descrizione e le regole del Gruppo
  • se il Gruppo è collegato a un’azienda o a un’organizzazione.

Gruppi Linkedin Impostazioni - Mimulus

La scelta che farò dipende dagli obiettivi e dal servizio che offro, ad esempio:

  • se voglio far emergere il mio profilo, e diventare ad esempio Top Contributor di un Gruppo, devo considerare che nei gruppi molto numerosi (sopra i 10.000 iscritti) e molto attivi può essere più impegnativo
  • se voglio identificare le persone giuste con cui intrattenere una relazione orientata a fare affari, la numerosità degli iscritti al gruppo è meno importante
  • se il Gruppo è collegato a un’azienda, devo considerare che tutta l’attività che svolgerò nel Gruppo porterà valore a me ma anche all’Azienda perché contribuirò a rendere interessante il Gruppo e ad attirare nuovi iscritti. Poiché il proprietario del Gruppo può comunicare direttamente con tutti i membri, l’Azienda si troverà “gratis” una community di grande valore (*)
  • se il proprietario del Gruppo è poco attivo, forse il Gruppo è poco presidiato e le discussioni potrebbero prendere una deriva markettara
  • se il Gruppo è poco numeroso e poco vivace, posso emergere molto velocemente ma di fronte a una platea piccola che forse si è anche dimenticata di essere iscritta al Gruppo
  • se sto cercando un certo tipo di Cliente, il numero degli iscritti al Gruppo non è molto importante, basta che ci siano, tra i membri, le persone giuste; non è neanche troppo importante mettersi in mostra, ma potrebbe essere sufficiente intervenire nelle discussioni a cui partecipano le persone che mi interessano…

(*) Non sto suggerendo di non entrare in questi Gruppi: se il Gruppo è funzionale ai tuoi obiettivi, iscriviti e sii attivo!

Altre valutazioni sul Gruppo posso farle solo dopo essermi iscritto e aver iniziato a contribuire avviando discussioni o commentando le discussioni altrui. Potrei accorgermi che per quanto tempo dedichi, i risultati stentano ad arrivare: non genero nuovi contatti utili, i miei contributi passano sotto silenzio, attiro l’attenzione solo di persone che non mi interessano (da un punto di vista professionale),…

Posso fare tre cose:

  • cambio il modo di essere attivo nel Gruppo (forse sto sbagliando)
  • non perdo più tempo in quel Gruppo ma resto iscritto per ricevere gli aggiornamenti giornalieri o settimanali
  • esco dal Gruppo e ne cerco un altro.

Potrei anche accorgermi, come mi è capitato alcune (troppe) volte, di veder vanificato il tempo speso nel Gruppo da una cattiva amministrazione del Gruppo stesso:

  • dedico tempo a scrivere post
  • dedico tempo a condividere i post nel Gruppo (uno ogni due / tre giorni – quindi senza spam)
  • scopro che i miei post vengono pubblicati giorni dopo, tutti in una volta!

Le ricadute negative sono:

  • alcuni post, come questo di Alessandra su Facebook, Google e l’emergenza terremoto in Nepal hanno significato il giorno stesso o il giorno successivo alla sua pubblicazione, non due settimane dopo!
  • Chi si trovasse sul Gruppo quando l’amministratore approva tutti i miei post (e tutti quelli di altri contributori con post in coda) verrebbe inondato da tre o quattro miei post e potrebbe considerarmi uno spammatore o uno che non ha capito come si usano i Gruppi LinkedIn!
  • Poiché molte persone seguono i Gruppi LinkedIn solo, o in prevalenza, tramite i riepiloghi giornalieri via mail, è molto probabile che dei miei quattro post pubblicati tutti in una volta solo uno sia inserito nel riepilogo, azzerando di fatto la visibilità degli altri tre!

Per questo motivo, pur essendo ancora iscritto, non contribuisco più ad alcuni Gruppi: non posso permettere che il mio tempo sia reso vano da una cattiva amministrazione della coda di approvazione dei contributi!

Conclusioni

I Gruppi LinkedIn sono uno strumento straordinario per costruire la propria reputazione e instaurare relazioni professionali di valore.

In questo post ho descritto: cosa sono i Gruppi LinkedIn e come usarli, come trovare quelli giusti e come valutare se rappresentano un’opportunità in funzione dei nostri obiettivi.

Per finire, ricorda: il tuo tempo è prezioso, dedicalo solo ai Gruppi che ti portano risultati!

Share on Pinterest
Invia a un amico










Inviare

#hobisognodiuncorso!

Corsi di formazione sui Social Network.

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter Mimulus!

E' il modo più efficace e veloce di ricevere i nostri ultimi articoli, direttamente nella tua casella di posta elettronica!
OK, mi iscrivo subito! :)